Guardami

guardamiPerdonatemi per questa lunga assenza (la più lunga fino ad ora!!) dovuta ad impegni di studio che mi hanno tenuta lontana dal mio amato blog e, cosa ancor più triste, dai miei amati libri! Questa piccola, ma necessaria, pausa tuttavia mi ha aperto gli occhi sulla mole di affezionati che seguono il mio blog e che aspettano “con ansia” (ma sì, fatemela tirare un po’….) l’uscita dei miei post! In tanti infatti mi avete contattato in questi giorni perchè tornassi a scrivere presto! Grazie, sono lusingata! Davvero lusingata! Purtroppo non sempre ho il tempo di leggere secondo i miei, fin troppo ambiziosi, standard e di conseguenza non sempre ho materiale su cui scrivere. In questi casi abbiate pazienza, piccoli inconvenienti di percorso che non mi faranno comunque rinunciare!

Torno alla ribalta con un libro che mi ha entusiasmata, nonostante  abbia impiegato un’eternità a leggerlo per i motivi di tempo appena citati. Uscito nel 2001, in tempi ancora non sospetti, Guardami di Jennifer Egan ha l’eccezionalità di anticipare in maniera quasi profetica due eventi che hanno segnato il corso degli ultimi quindici anni: gli attentati alle Torri Gemelle e l’avvento dei social network. Charlotte Swenson è una  modella a fine carriera. Approdata a New York molti anni prima da una monotona cittadina della provincia americana con il sogno di raggiungere  “la stanza degli specchi”, riesce a costruirsi una brillante, ma al tempo stesso aleatoria, carriera nella Manhattan più “in”. Carriera che si interromperà bruscamente il giorno in cui Charlotte resta sfigurata in un incidente d’auto. A molti chilometri di distanza, a Rockford, Illinois, città natale di Charlotte, la sua omonima Charlotte Hauser, adolescente cupa ed impacciata, conosce il misterioso Michael West con il quale comincerà un’appassionata relazione nonostante la differenza d’età. Ma chi è realmente Michael West? E cosa lega le due donne e l’infinità di altri personaggi che fanno da contorno? Una storia intrigante, fatta di intrecci e risvolti inaspettati, che si sviluppa a metà tra gli ambienti più alla moda di New York, dove l’aspetto conta quasi più della vita, e la piatta provincia americana, da dove si fugge appena possibile.

Guardami è il secondo libro che leggo di Jennifer Egan (dopo Il tempo è un bastardoe devo rivelarvi che questa giovane scrittrice americana sta velocemente risalendo la classifica delle mie preferenze! Il modo in cui riesce a creare intrecci è unico, così come i suoi folli personaggi. Valore aggiunto di questo libro resta tuttavia la sua profetica creatività!! Leggete qui (tenendo bene a mente che Facebook sarebbe arrivato circa 7 anni dopo…..):

La mia conoscenza di internet era limitata a qualche esitante giretto sul computer di Oscar in ufficio, ma decisi di fingere di capire. “E che aspetto avranno questi….PersonalSpace?”, chiesi. Ciascuno sarebbe stato diverso dagli altri, mi spiegò, per rispecchiare la vita della singola persona, ma sulla base di certe categorie standard: foto del soggetto e della sua famiglia. Ricordi d’infanzia. Sogni. Pagine di diario- a tutti veniva chiesto di tenere un diario settimanale, e venivano incoraggiati gli aggiornamenti quotidiani. Progetti futuri/Fantasie. Rimpianti/Occasioni perse. E la gente poteva anche aggiungere categorie proprie: cose che mi fanno arrabbiare. Opinioni politiche. Hobby.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...