L’imprevedibile viaggio di Harold Fry

_sperling_images_nondisponibileDecisamente di tutt’altro genere rispetto a La Principessa di Ghiaccio, L’imprevedibile viaggio di Harold Fry di Rachel Joyce è un libro facile e piacevole da leggere ma allo stesso tempo molto profondo. Una lettura leggera che però non manca di fornire spunti di riflessione.

Tutto comincia nell’anonima cittadina di Kingsbridge, nel sud dell’Inghilterra. Harold Fry è un uomo di mezza età che conduce una vita del tutto ordinaria insieme alla moglie Maureen. Una quotidianità tranquilla, fin troppo,  fatta di giardinaggio e lavori domestici dopo una vita passata a sgobbare come venditore per un noto birrificio locale. Un giorno come tanti Harold riceve una lettera da parte di una sua vecchia conoscenza, Queenie Hennessy con la quale aveva lavorato tanti anni addietro. La donna gli scrive per comunicargli, senza tanti giri di parole, che sta morendo e che ci teneva a dirgli addio. La lettera coglie di sorpresa Harold, nonostante non avesse più notizie di Queenie da almeno da vent’anni la ricorda con affetto. Una donna buona ed onesta che un tempo aveva fatto qualcosa di molto importante per lui. Harold è confuso, turbato, le scrive una lettera di risposta e esce di casa per andare ad imbucarla ma sa che non è abbastanza. Così continua a camminare, a riflettere, fino alla buca delle lettere successiva e poi quella dopo ancora finché, spinto da uno strano impulso, sceglie di continuare a camminare fino a Berwick dove Queenie sta morendo, circa mille km più a nord. E’ convinto che il suo viaggio la terrà in vita. E’ così che ha inizio l’imprevedibile viaggio di Harlod Fry, a piedi dal Sud dell’Inghilterra fino ai lontani confini con la Scozia. Un viaggio fatto di strani incontri, strani avvenimenti, strane sensazioni ma soprattutto una grande occasione per riflettere sul presente e sul passato e riconciliarsi con la propria vita. Pur non essendo propriamente un libro “giallo” non mancheranno i colpi di scena!

L’imprevedibile viaggio di Harold Fry è un libro contro l’indifferenza della società moderna. E’ un libro sui rapporti umani che ancora possono esistere se ci si ferma solo un attimo e ci si guarda intorno. Ma è anche un libro sulla fede, sulla fede nei cambiamenti che sono sempre possibili.

Capì che il suo viaggio a piedi, quel camminare per espiare i proprio errori, era anche un modo per accettare le stranezze degli altri. Essendo di passaggio, si trovava in un luogo dove tutto, non solo gli spazi, era aperto. La gente si sentiva libera di parlare, e lui era libero di ascoltare. Di portarsi via un po’ di loro. Troppe erano le cose che aveva trascurato, e quel poco di generosità lo doveva sia a Queenie che al passato. 

Annunci

Un pensiero su “L’imprevedibile viaggio di Harold Fry

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...